Where to Travel

Discover Italy with my personal touch!

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.

Piemonte: alla scoperta del Castello di Camino

Posted by on in Borghi - Villages
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 5928
  • 0 Comments
  • Print

a1sx2_Original1_IMG_9785.JPGCari amici, bentrovati su My Own Italy.

Il nostro viaggio di oggi alla scoperta dell'Italia ci porta in Piemonte in uno dei borghi più caratteristici della provincia di Alessandria, dove vorrei invitarvi a scoprire qualcosa su uno dei molti Castelli del Monferrato: il Castello di Camino.

 

 b2ap3_thumbnail_IMG_9620.JPG  Il Castello di Camino è situato nelle famose Colline del Monferrato, nella zona nord ovest, a circa un'ora da Milano, Genova e Torino.

  Le origini del Castello di Camino si datano attorno all'anno mille, quando fu edificato per ragioni difensive; è stato poi utilizzato sino alla fine del 1800. E' tutt'ora uno dei più bei castelli in Italia sia per l'architettura, sia per l'ottimo stato di conservazione.

 

 a1sx2_Original1_IMG_9792.JPG

Grazie alla sua posizione strategica, il castello di Camino è stato un punto d'osservazione ideale oltre ad offrire protezione agli abitanti della pianura circostante quando, nel corso del XII secolo, in caso di pericolo la popolazione locale si rifugiava tra le sue mura, le cui tracce sono rimaste ancora oggi.

 

'impianto più antico è da individuare nella parte che include l'imponente torre merlata, di insolito impianto rettangolare, alta 44 metri, nel corpo di fabbrica più basso è stato inserito un ponte levatoio. Attorno a questo nucleo originario e utilizzando aree di disimpegno gli Scarampi edificarono già entro il '300 un imponente castello. La struttura si presenta a pianta irregolare per i vari corpi addossati e per aver sfruttato la naturale ondulazione del terreno. - See more at: http://www.monferrato.org/ita/risorse-turistiche/castelli-fortezze/castello-di-camino/d5146b644a66837653462e7cfdfdb1e7.html#sthash.AzjCUE16.dpuf
'impianto più antico è da individuare nella parte che include l'imponente torre merlata, di insolito impianto rettangolare, alta 44 metri, nel corpo di fabbrica più basso è stato inserito un ponte levatoio. Attorno a questo nucleo originario e utilizzando aree di disimpegno gli Scarampi edificarono già entro il '300 un imponente castello. La struttura si presenta a pianta irregolare per i vari corpi addossati e per aver sfruttato la naturale ondulazione del terreno. - See more at: http://www.monferrato.org/ita/risorse-turistiche/castelli-fortezze/castello-di-camino/d5146b644a66837653462e7cfdfdb1e7.html#sthash.AzjCUE16.dpuf

b2ap3_thumbnail_IMG_9728.JPG 

L'impianto più antico del Castello è da individuare nella parte che include l'imponente torre merlata, di insolito impianto rettangolare, alta 44 metri, nel corpo di fabbrica più basso è stato inserito un ponte levatoio.

 Attorno a questo nucleo originario e utilizzando aree di disimpegno gli Scarampi edificarono già entro il '300 un imponente castello.

La struttura si presenta a pianta irregolare per i vari corpi addossati e per aver sfruttato la naturale ondulazione del terreno.

a1sx2_Original2_IMG_9730.JPG

Fino al XIII secolo il Castello di Camino fu proprietà dei vescovi di Asti, prima di passare al controllo dei marchesi di Monferrato.

 Nel 1323 Teodoro Paleologo, profondamente indebitato e bisognoso di denaro, concesse l'investitura e la proprietà del Castello di Camino ai fratelli Tommaso e Francesco Scarampi, banchieri e mercanti di Asti.

 

  a1sx2_Original1_IMG_9758-BIS.jpg

 Il castello rimase nelle mani della famiglia Scarampi di Villanova da allora fino al 1950.

Ferdinando Scarampi ristrutturò la parte più antica del castello, creando la sala da pranzo in stile neo-gotico, la biblioteca, e il teatro affrescato con scene di Don Chisciotte.

     a1sx2_Original1_IMG_9778.JPG

Tra la fine del Seicento e i primi del Settecento finendo quindi la valenza militare, nel Castello di Camino venne aperto il grande scalone e soprattutto si realizzò il salone, decorato a finte architetture e composizioni floreali aperto a sud su balcone in pietra, di gusto barocco.

 

b2ap3_thumbnail_IMG_9745.JPG 

 

Sono presenti stucchi che incorniciano i 22 dipinti a olio realizzati da Domenico Guala e dedicati ad altrettanti membri della famiglia Scarampi.

Tra la fine dell'800 e i primi del '900 il castello fu nuovamente oggetto di interventi che riguardarono la decorazione e l'arredo interno improntandolo allo stile neogotico.


b2ap3_thumbnail_IMG_9740.JPG

La cappella, molto antica, venne ridotta e ridecorata, conserva un trittico di attribuzione a Macrino d'Alba.

Per ospitare Vittorio Emanuele II fu completamente riarredata e ridecorata una sale del I piano denominata perciò "Sala del re".

a1sx2_Original1_IMG_9600.JPG La visita guidata delle sale del castello vi porterà quindi attraverso le varie epoche storiche e anche per le leggende legate al castello, come quella del fantasma di Scarampo Scarampi.

 Alla fine della visita, vi consiglio di fare una passeggiata nel bellissimo giardino, parte del Parco Naturale del Po.
Prima di fare un tuffo nella aristocrazia piemontese leggete il nostro artciolo su TGCOM24.

Seguitemi: questo è il turismo secondo me!

Blog posted from 15020 Camino AL, Italia View larger map
0

Comments

Login

Latest Blogs

No post has been created yet.

Recent Comments

No comments yet.

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l’uso dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni sui cookies che utilizziamo e su come disattivarli o cancellarli, clicca qui Privacy Policy e Politica Cookies.

Conferma di accettazione dei cookies da questo sito: